Farmaci Generici: spending review

Finalmente qualcosa di sensato. Dal 14 agosto è stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale la legge che obbliga i medici ad indicare nella ricetta, il nome del principio attivo del farmaco prescritto, invece del nome commerciale. Questo piccolo accorgimento farà risparmiare al consumatore distratto, che ancora non ne facesse uso, fino ad un 30% sulla spesa totale dei farmaci. 


Il consiglio è sempre quello di tenere gli occhi aperti, perchè potrebbe capitare che alcuni sedicenti medici, sponsorizzati dalle case farmaceutiche, scrivano comunque il nome commerciale indicandone la "non sostituibilità", anche se la legge lo permette solo in caso di motivazione ad hoc, tuttavia a mio parere aggirabilissima, dato che oltre al principio attivo presente nel farmaco, sono presenti altre sostanze che potrebbero risultare "allergiche" al paziente. 

Quello che conta veramente è sempre e solo il principio attivo, come già spiegato in un precedente post e se potete, cercate anche di essere più furbi di chi produce medicinali che abbiano al loro interno due o più principi attivi, perchè il più delle volte è possibile replicarne i principi attivi utilizzando due o più farmaci generici. 

0 commenti :