concorsi e promozioni: sono realmente vantaggiosi?

Capita sempre più spesso di trovare promozioni o concorsi con premi sicuri se compriamo un certo prodotto o un tot di prodotti per arrivare ad una data cifra, oppure se sottoscriviamo un servizio. Come facciamo a capire se questi premi sono vantaggiosi come vengono pubblicizzati? Facciamo un paio di esempi:

  • Se compri prodotti per un totale di 50€ presso "TuttoScontato" ottieni un buono sconto "Paga uno e viaggi in 2" da sfruttare presso l'agenzia viaggi "ViaggiaBene".
  • Se attivi un conto deposito presso "BancaVincente" ottieni un buono di 100€ spendibile presso "SuperTecno".
  • Se compri 2 prodotti della marca "LavAsciuga" ottieni un buono valido per l'ingresso di una persona* presso il parco "TuttInsieme".
Naturalmente ho usato nomi di fantasia sia per prodotti che per marche, ma le promozioni non si discostano molto dalla realtà.
Prendiamo il secondo esempio; potrebbe essere una buona promozione se sappiamo di poter spendere quel buono presso "SuperTecno" che già reputiamo un buon negozio (che sia online o meno). In questo caso dovremmo solo verificare che non ci siano altre condizioni nascoste (come ad esempio: il buono di 100€ è spendibile con un acquisto di almeno 500€), ma se non ce ne fossero, sarebbe una buona iniziativa.
Il terzo esempio è tra tutti, quello più ingannevole, quell' "*" nasconde altre condizioni che il più delle volte sono molto restrittive, come ad esempio: * biglietto in omaggio a fronte dell'acquisto di almeno due biglietti interi. In questo caso dovreste essere almeno in 3 per far sì che una persona ne benefici; condizione solitamente difficile da realizzare per una coppia senza figli.
Il primo esempio potrebbe essere un buon affare, ma si fanno già buoni affari su "ViaggiaBene"? Come faccio a verificarlo?
Per tutte le promozioni c'è un metodo veloce per capire se il premio è degno di nota o meno: il regolamento. Ogni promozione è (scusate il gioco di parole) regolata da un regolamento, solitamente disponibile nel formato pdf. E' sufficiente scaricare il documento e fare una ricerca sulla sezione "Premi"; a questo punto sono obbligati a scrivere in numero dei premi che dispenseranno e l'ammontare totale, ossia il costo che l'azienda sostiene per pagare i premi. Fate una banale divisione tra ammontare e numero di premi e otterrete il valore reale (senza iva) del premio in questione. Ora lo reputate così vantaggioso?

0 commenti :